Assassin’s Creed Origins

Produttore: Ubisoft
Sviluppatore: Ubisoft Montreal
Lingua: Italiano
Versione: Pal
Genere: Action/Adventure
Giocatori: 1 – multiplayer
PEGI: 18

 

La serie di Assassin’s Creed dopo un anno di pausa e quasi quattro anni di sviluppo ritorna di prepotenza sui nostri schermi, in questo novembre affollatissimo di uscite. Origins è un gioco in grado di riportare ai vecchi fasti la serie, un vero e proprio tuffo nel passato che però al contempo rappresenta un trampolino vincente per l’avvenire del franchise.
Il titolo è finito sotto la responsabilità di Ashraf Ismail che tanto bene aveva fatto con Black Flag e quindi un vero e proprio sinonimo di garanzia.

NUOVE REGOLE

Il gioco appare rinnovato, prendendo ispirazioni da grandi titoli di un recente passato come The Witcher 3.
Si comincia subito con il capirlo giocando alle missioni secondarie che sono profondissime come non mai prima d’ora.  Tutto è basato sull’esplorazione e sul lore.

Il gioco racconta l’origine degli Assassini con Medjay Bayek di Siwa e la moglie Aya. Tutto si basa sul concetto di amore, onore e quindi di vendetta. Entrambi i personaggi hanno molto carisma e si muovono nel mondo di gioco spinti dalla volontà di compiere la loro vendetta.
Nel presente invece nel mondo dell’Animus e dell’Abstergo Leyla, caratterizzata dalla sete di carriera all’interno della famosa azienda. La sceneggiatura quindi sia del passato che del presente contemporaneo è veramente eccezionale. Saremo spinti a proseguire fino in fondo nella storia, ma con la libertà che più preferiamo. Seguendo sia gli eventi principali che quelli secondari.

TUTTO E’ SOVRANNATURALE

Nel gioco si fa largo uso questa volta del sovrannaturale e dei flashback. Il tutto a corroborare un gameplay eccezionale e potenziato rispetto al passato. Viaggeremo dal Nilo alle Piramidi di Giza fino alla Biblioteca di Alessandria.
Gli ambienti alternano città a porzioni di territorio ostile, popolate da animali di ogni tipo come ippopotami, coccodrilli o leoni tutti estremamente letali. Anche le influenze umane sono svariate dato che nel periodo Tolemaico in Egitto abbiamo la presenza anche dei Greci e dei Romani. Tutto è esplorabile, credibile e realizzato con estrema cura.
Presente ancora il loot, soprattutto quello legato alle armi che si spingerà a trovare le migliori per aumentare i nostri vari perk come i danni elementali o la resistenza al veleno. Potremo anche dedicarci ad attività secondarie come i combattimenti in arena e l’ippodromo.

Il combat system è stato implementato con categorie di armi nuove di zecca, mosse uniche, parate spettacolari ed esecuzioni che porranno immediatamente fine ai combattimenti.
Dovremo scegliere se attaccare in maniera ampia oppure in maniera precisa, anche perché ora i nemici non aspetteranno più ognuno il proprio turno ma attaccheranno tutti assieme.
Gli attacchi che potremo portare a termine hanno però sempre un limite. Potremo alternarci tra lo stealth puro e i combattimenti all’ultimo sangue e quindi questo rappresenta una vera e propria svolta per la serie. La crescita del personaggio si dirama su tre filoni principali ovvero il Guerriero, il Veggente che utilizza le arti magiche e il Cacciatore abilissimo con le armi a distanza.  La storia dura sulle 30 ore e quindi tantissimo per un titolo simile.

LA BELLEZZA DELL’EGITTO

Il gioco vede un comparto grafico d’eccellenza e la colonna sonora di Sarah Scharchner veramente evocativa.
Il titolo è stato rinnovato e risulta ben strutturato e divertente.
Le attività collaterali poi come la caccia o l’assalto alle carovane non vi faranno abbandonare il joypad tanto facilmente.
Un prequel che è una rinascita per il brand e una boccata d’aria della serie che tutti stavamo aspettando da tempo.
Per gli appassionati un acquisto assoluto ma anche per tutti gli altri questo gioco è fondamentale per la propria collezione.

Review a cura di Luca Longobardi

Votazione:

Grafica: 9
Sonoro: 9
Giocabilitá: 9
Longevitá: 9
Voto Finale: 9
Mondo di gioco immenso totalmente esplorabile; non è l’Assassin’s Creed Canonico.

4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*