Casinò virtuale: tra crescita del fenomeno e garanzie rinforzate per i giocatori italiani


3,7 milioni: tanti sono gli italiani che lo scorso anno, almeno in un’occasione, hanno tentato la fortuna alimentando il sempre più florido settore dei giochi e delle scommesse online, giunto a generare un sorprendente giro di affari pari a ben 1,37 miliardi di euro.
Somme da capogiro, appassionati in crescita e spesa media per giocatore stabile attorno ai 120 euro all’anno: la fotografia scattata all’inizio di questo 2018 dall’Osservatorio del Politecnico di Milano con la collaborazione di AGIMEG (Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco) mostra uno scenario in evoluzione, caratterizzato da segnali particolarmente confortanti, come il netto sviluppo dell’offerta legale a scapito di quella non autorizzata.

Esperienza mobile e tutela del giocatore alla base del boom dei casinò online

I casinò online, ovvero le piattaforme digitali dove è possibile sedersi a tavoli da blackjack, poker e roulette virtuali, superano persino le intramontabili scommesse sportive nella classifica di gradimento dei giocatori digitali italiani, con una raccolta giunta alla cifra record di 569 milioni di euro nel 2017.
A trainare il successo del gambling in chiave digitale è soprattutto il comparto “mobile”: grazie ad app sviluppate ad hoc, smartphone e tablet si trasformano in piccoli casinò sempre a portata di tap. Formule di gioco sempre nuove e soluzioni grafiche accattivanti completano l’opera, rendendo le giocate, anche quelle prive di puntate reali, sempre più coinvolgenti.
La buona notizia è che le scrupolose verifiche effettuate dall’ADM (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, un tempo AAMS) per l’attribuzione della concessione ai gestori che intendono operare in Italia sono sempre più attente e stringenti, nell’ottica di promuovere un gioco rispettoso non solo delle legge, ma soprattutto degli appassionati che scelgono di sperimentare questo passatempo.

Imparare a riconoscere le piattaforme di betting autorizzate

Come riconoscere i gestori di casinò online affidabili? Quali sono i requisiti che garantiscono un’esperienza di gioco sicura e controllata? Cerchiamo di analizzare i fattori principali.

La concessione AAMS per le piattaforme di gioco a distanza

Il primo fattore da considerare è anche il più semplice: l’esistenza di un’autorizzazione rilasciata dall’ADM/AAMS. Il portale web dell’operatore deve sempre riportare il logo dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e specificare il numero della concessione con la quale opera. Questa semplice verifica offre la certezza di affidarsi a sistemi di gioco sorvegliati dal vigile occhio dell’ente preposto ai controlli, la scelta migliore per evitare brutte sorprese e non incappare in circuiti poco trasparenti.
La verifica in più per mettersi al riparo da qualunque rischio? Effettuare una breve ricerca sfruttando l’apposita funzione disponibile sul portale dell’ADM e controllare che ragione sociale del gestore e codice della concessione siano effettivamente corrispondenti.

La trasparenza dei sistemi di gioco: le probabilità di vincita

La trasparenza è, per l’appunto, un altro elemento chiave: ampie sezioni e contenuti dedicati alla spiegazione dei meccanismi di gioco e delle regole dei vari intrattenimenti proposti all’interno del casinò online sono elementi immancabili, ma a fare la differenza è la pubblicazione di indicazioni precise per quanto concerne altri fondamentali aspetti, quali le iniziative antiriciclaggio intraprese dal gestore e la pubblicazione delle probabilità di vincita relative ai singoli giochi.
La probabilità di vincita viene solitamente espressa attraverso il valore percentuale dell’RTP, un parametro che indica la percentuale di restituzione al giocatore. L’RTP è un dato statistico che rappresenta, in sostanza, la percentuale di rimborso attesa per un determinato gioco sul lungo termine. Ciascun gestore è tenuto a pubblicare il valore dell’RTP relativo ad ogni singola variante proposta per i diversi giochi (roulette, poker, jackpot, ecc.), in accordo con quanto stabilito all’interno del Decreto Balduzzi (DL n.158/2012). In genere, il valore della percentuale di restituzione è superiore al 90%, ma in alcuni casi può arrivare a sfiorare il 100%, rendendo questo parametro uno dei più interessanti per i giocatori che puntano a massimizzare le loro possibilità di vincita.

La sicurezza dei sistemi informatici

Le piattaforme dedicate ai giochi di fortuna a distanza devono naturalmente garantire due aspetti fondamentali: la totale aleatorietà degli intrattenimenti proposti e il ricorso a sistemi in grado di proteggere i dati personali degli utenti e le informazioni di pagamento.
Come stabilito dall’AAMS, l’affidabilità dei sistemi di gioco online si articola in una ricca serie di accorgimenti, che spaziano dall’adozione del protocollo HTTPS per garantire connessioni sicure alla collocazione dei server fisici all’interno di centri elaborazioni dati con accesso limitato al solo personale tecnico, come pure dalla strutturazione di meccanismi di login ai servizi basati su credenziali univoche, fino ad arrivare all’impostazione di un preciso timeout che interrompa le sessioni di gioco dopo un certo intervallo di tempo in cui l’utente risulta inattivo, tutto nell’ottica di garantire privacy e protezione del giocatore.
Tali accorgimenti rappresentano in realtà solo una piccola parte dei requisiti SSI (Sicurezza dei Sistemi Informatici) che la piattaforma di gioco deve rispettare per ottenere la concessione.

L’RNG

Fulcro delle piattaforme di gambling online è poi l’RNG (Random Number Generator), ovvero il software deputato alla generazione dei numeri casuali a loro volta alla base dei vari simboli o elementi che determinano lo sviluppo del singolo gioco. Il codice sorgente dell’RNG è uno degli elementi sottoposti a scrupolosa analisi da parte dell’EVA (Ente di Verifica Accreditato), ovvero il soggetto incaricato dall’ADM di accertare il rispetto di tutti i requisiti hardware e software, nonché di analizzare tutte le caratteristiche dell’algoritmo matematico utilizzato (periodo, intervallo, metodi di generazione e attività di background).

La varietà dell’offerta di gioco

L’offerta messa a punto dal singolo gestore rientra naturalmente tra gli aspetti da considerare: i diversi operatori italiani propongono molteplici varietà dei classici giochi da casinò (ad esempio roulette francese, europea ed americana oppure blackjack europeo, spagnolo 21, black vegas trip, ecc.), arricchendo la propria offerta con soluzioni grafiche sempre nuove e al passo con i gusti del pubblico.
Già da diversi anni, nomi storici del settore come SNAI hanno introdotto casinò online in modalità live, ovvero con veri croupier che gestiscono i tavoli trasmessi in streaming, mettendo sul piatto anche interessanti incentivi, come bonus casinò sempre migliori per nuovi iscritti e non, pensati per massimizzare le vincite e/o contenere le eventuali perdite. Anche in questo caso, regole e modalità di fruizione dei bonus devono essere espressi sempre in maniera chiara e trasparente.

I meccanismi di tutela del giocatore

SNAI.it è anche un interessante punto di riferimento per quanto riguarda le iniziative adottate per tutelare il giocatore e promuovere un approccio sano ed equilibrato al gambling online.
In fase di registrazione, ad esempio, il gestore impone l’indicazione di un tetto di spesa massimo settimanale, oltre il quale scatterà un meccanismo automatico di limitazione del gioco. Oltre ad impedire l’apertura di un conto gioco a soggetti non maggiorenni, l’operatore metta a disposizione degli utenti strumenti di protezione molto efficaci, come l’autoesclusione temporanea o permanente, regole chiare e dirette per dilettarsi con il gambling online in modo responsabile, test di valutazione e persino programmi di supporto in caso di difficoltà nel rapporto con il gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*