Mass Effect Infiltrator

Produttore: Electronic Arts
Sviluppatore: Iron Monkey Studios
Lingua: Italiano
Versione: Pal
Genere: Action/Shooter
Giocatori: 1

 

La saga di Mass Effect sbarca  anche sul mondo portatile con questo Infiltrator, edito sempre da Electronic  Arts la software house della saga principale.

Il gioco è stato sviluppato da  Iron Monkey Studios ed è approdato in prima battuta sull’App Store di Apple.  Oggi è arrivato anche su Android e vediamo quindi di cosa si tratta.

L’ENNESIMO ESPERIMENTO
Non è certo la prima volta  che Electronic Arts e Bioware hanno provato a portare il vastissimo universo di  Mass Effect su sistemi portatili. Il primo tentativo è stato quello di Mass  Effect Galaxy a metà del 2009 che però si rivelò un mezzo fallimento tanto da  rimuoverlo dai vari Store proprio per via della bassa qualità del titolo  stesso. È stata pubblicata anche la graphic novel intitolata Redemption in cui  vediamo raccontate le vicende di Lara Tsoni.

La graphic novel è stata  sceneggiata da Mac Walters e John Jackson Miller. Per questo terzo capitolo si  è tentato quindi di fare tutto al meglio e per questo è stato interpellato lo  studio australiano degli Iron Monkey, sulla scorta dell’esperienza dell’ottimo  Dead Space in versione portatile.

STORIA NUOVA, VITA NUOVA
Il gioco è basato su una  storia inedita e totalmente slegata dalla saga principale. Vestiremo infatti i  panni di Randall Ezno, soldato veterano del Cerberus che decide di ribellarsi  all’organizzazione visti i piani di complotto che vedono al loro interno anche  la fedele amica Inari. La trama purtroppo non solo è slegata dal capolavoro  della saga principale ma risulta anche leggermente piatta, anche per via della  poca profondità psicologica dei personaggi principali.

SPARA A TUTTO
Il gioco è stato impostato  sul modello di un action con preponderanza shooter, il tutto in terza persona.  Il gioco quindi vede una serie di sparatorie in luoghi angusti con vari nemici  a schermo e un sistema di coperture solido che vi permetterà di respirare tra  uno scontro e l’altro. Dovremo prendere un po’ di dimestichezza con tale  sistema di controllo prima di padroneggiarlo a pieno. Avremo a disposizione  diverse armi che saranno caratterizzate da una gittata differente che attiverà  per ogni utilizzo una sorta di griglia che ci permetterà di colpire i nemici in  vari punti.

Potremo così mirare le varie parti del corpo e scegliere il punto  debole di ogni nemico che il più delle volte si risolverà con un headshot.  Avremo a disposizione anche dei poteri biotici e altre abilità affini che ci  permetteranno di uccidere i nemici con stile per guadagnare dei punti da tali  eliminazioni. Dovremo quindi variare le nostre azioni e non focalizzarci sempre  su di un unico approccio. Dopo ogni combattimento infatti verrà attivata una  valutazione che terrà conto di stile, energia rimasta eccetera e  successivamente vi verranno assegnati dei punti che si potranno spendere nello  shop per comprare potenziamenti, nuove armi o armature.

POCA INTELLIGENZA
Il gioco è divertente anche  se il sistema di combattimento mostra delle pecche soprattutto a causa della  bassa intelligenza artificiale dei nemici. Inoltre il gioco procede con una  certa ripetitività, poiché il tutto si rivela essere un copriti, spara e passa  all’altro livello. A spezzare un po’ la monotonia ci pensano le scelte morali  in cui in base alle nostre azioni sul campo e alla nostra dimostrazione o meno  di pietà nei combattimenti potremo diventare un Eroe o un Rinnegato.

Con il  proprio account Origin potremo in ogni momento tramite i punti Intel convertire  i punti guadagnati con punti per Mass Effect 3. Sotto il profilo tecnico il  gioco vede un buon comparto grafico e sonoro, soprattutto nel caso degli  scenari a cielo aperto. Peccato per la ripetitività di alcuni interni che si  rivelano essere sempre gli stessi.

Un gioco che è certamente  meglio della parentesi rappresentata da Galaxy ma che può essere ancora  perfettibile. Gli amanti della saga però potranno trovare un nuovo scorcio  sulla loro saga fantascientifica preferita.

Recensione a cura di: Luca Longobardi

Votazione:

Grafica: 6.5
Sonoro: 7
Giocabilitá: 6.5
Longevitá: 6.5
Voto Finale: 6.5
Sistema di combattimento convincente, ottima l'interazione con Mass Effect 3. Level design a tratti ripetitivo, trama slegata dal capolavoro principale.

1.5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*